Il Moto Club Pavia

Per incarico del Moto Club D’Italia, si è costituito in questi giorni, presso il locale Club Juventute, la sezione Motociclistica pavese, della quale già fanno parte numerosi motociclisti della nostra città. Al prossimo Congresso Motociclistico che si terrà in Torino il 29 corr. La Sezione pavese sarà rappresentata dal sig. Aldo Anelli segretario del Club Juventute.
Quanto prima la Sezione pavese si metterà al lavoro per organizzare un Criterium motociclistico in cui si discuterà per la prima volta il “bracciale pavese”.

Era nato ma anziché vagiti emetteva assordanti scoppiettii e rombo di motore piuttosto insoliti per quei tempi. Dopo due mesi, l’atto ufficiale in data 27 giugno: Il Club Juventute dichiara essersi la Sezione pavese del Moto Club d’Italia staccata dal Club stesso e stabilitasi in piena autonomia seguendo in ciò i dettami del regolamento.

E da allora non si è più fermato. Il primo passo (si fa per dire…) importante è stato il contributo dato per la formazione ufficiale (dopo vari tentativi precedenti) della Federazione, avvenuta nel 1911, che allora si chiamavano Moto Club d’Italia. Erano gli inizi del “periodo eroico” che è ricordato con nostalgia ancora ogginonostante siano trascorsi ancora tanti anni.”

Tutto cominciò così nel lontano 1911. Era l’inizio di una splendida avventura che vedeva un club motociclistico, nascere, crescere e respirare assieme alla città di Pavia. A cominciare dalla prima gara di velocità, datata 18 settembre 1938. Il “1° Circuito Motociclistico di Pavia” si corse sul percorso di v. le Matteotti, p.za Dante, via D. Chiesa, via Trieste, via Monti e v. le Battisti, divenendo appuntamento fisso per la città fino all’immediato dopoguerra.

Insignito dal CONI della Stella d’Argento al Merito Sportivo nel 1974 e della Stella d’Oro nel 1996, il MC Pavia ha l’onore di ricevere nel 2017 il “Collare d’Oro al Merito Sportivo”, concesso alle società sportive che abbiano onorato lo sport italiano e che abbiano una anzianità di costituzione di almeno cento anni a cui sia già stata conferita la “Stella d’Oro al Merito Sportivo” ed i cui atleti abbiano conseguito titoli in campo internazionale e nazionale.